How to entertain kids in a foreign country

  How many times did you ask to yourself, while preparing for an international trip, what can I do to entertain my kid(s) if they get bored? Perhaps, sometimes you are travelling to a country where you don't speak the language, where you don't know which kind of  child culture/habits/care they have towards children. Sometimes …

Continue reading How to entertain kids in a foreign country

Out again. Moving to Brussels

Some have decreed our madness definitively; some told us that we did well; some still thought it was not right or right or prudent to change again. The fact is that we moved again and we arrived in Brussels , after 12h of travel through Poland, Germany and the Netherlands, on July 28th. It seemed a foregone choice, …

Continue reading Out again. Moving to Brussels

Krakow, Poland. A new start.

Waltz No. 3 in A Minor, Op. 34, No. 2 - Frédéric Chopin Since we arrived in Krakow at the end of October, I still could not put a point to the many feelings that this new moving unleashed. Krakow is a beautiful city, served by an excellent public transport network that connects the whole …

Continue reading Krakow, Poland. A new start.

Raccontami una storia

Come si racconta una storia nel 2017? Come colmi una lontananza? Ciao tesoro mio, come sei bella con quella maglietta nuova, ah non è una maglietta! È un bellissimo vestito rosso. Sì, il papà è quel telefono, come la nonna. No, il papà non è la nonna. Esatto, pa-pa-pa. vNe parlo perché con un collega …

Continue reading Raccontami una storia

#iamamigrant

I've always wondered, since I've been a migrant, if indeed I could call myself  like that. Because being a migrant carries with it a burden of courage, sacrifice, resilience and humility which, perhaps, I am not so sure of having. If I think of the history of the great Italian immigration , I think of a flow that has …

Continue reading #iamamigrant

Il mezzo-lupo

Che meraviglia, al solo pensiero posso affrontare l’intero giorno, che comincia così, primo passaggio si esce con la più piccola, la nuova arrivata, mi tocca andarci anche se non ne ho alcuna voglia, si fa a turno qui, pensare che a me piace restare a casa e fare pochi passi la mattina presto, poco dopo …

Continue reading Il mezzo-lupo

Gea et G.E.A.

Si torna a casa una sera dall’ospedale, luogo che diventa per forza amico se non si vuole soffrire miseramente ogni volta in cui, proprio malgrado, un’apprensione per qualche sintomo particolare ti ci fa portare la tua bambina. Torniamo a casa, dicevo, dopo tre giorni di Gea, in ogni senso. Figlia e diagnosi in tre lettere: …

Continue reading Gea et G.E.A.

424

La mia bambina si addormenta in una maniera che è tutta sua, forse davvero unica al mondo. Non è forse questo che pensa ogni papà? Perlomeno io sì, quando la vedo toccarsi i capelli lentamente, con una sola mano a palmo all’insù, accompagnandosi al sonno con un movimento dolce e ripetuto più volte. Sempre lentamente, …

Continue reading 424